Federica Caldara

5 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)

Sono laureata in Scienze Agrarie ed ho lavorato diciassette anni come Project Manager per una società di consulenza nel settore dell’agricoltura e dello sviluppo rurale.

Mi sono avvicinata alle discipline olistiche nel 2008, quando ho iniziato a praticare il QI GONG. In realtà avevo iniziato a praticarlo già da prima, ma in maniera un po' inconsapevole, perché l’insegnante di ginnastica posturale inseriva qualche esercizio “particolare e inusuale” durante le lezioni. E questo rendeva le lezioni di ginnastica posturale molto belle e particolarmente interessanti. È stato amore a prima vista, perché era ciò di cui avevo bisogno, uno strumento che mi permettesse di essere parte attiva nel lavoro di centratura di me, di ascolto, di allenamento al sentire, al sentirmi, per radicarmi nel mio sé profondo. Un lavoro che parte dal corpo, e non dalla mente; ed anzi proprio grazie a questo, è di grande aiuto per imparare a gestire pensieri ed emozioni. Il qi gong viene infatti spesso anche definito come “meditazione in movimento”.

Da allora non l’ho più lasciato. Il qi gong per me è uno tra gli strumenti più validi per farmi ritrovare il mio centro, far tornare il silenzio nella mente, per darmi gioia e serenità. Attraverso il lavoro sul corpo, con l’aiuto della respirazione, con movimenti consapevoli e con l’uso cosciente della mente (l’intenzione) riuscire a sentire ed entrare in contatto con quella parte non materiale che è in noi che ci anima ed è vibrante di vita: il qi, l’energia, il soffio vitale

In questi anni ho praticato regolarmente e con passione con la mia insegnante Elke Modafferi, fisioterapista ed insegnante di Qi Gong, nonché uno dei soci fondatori di OTTO (Associazione professionale Operatori Tuina Qigong e Tecniche Orientali), seguendo anche numerosi corsi intensivi con lei.

I vari esercizi e le varie forme che ho imparato sono quelle che lei ha appreso dai suoi maestri di riferimento (in primis: Liu Dong, Liu He, Ma Xuzhou) e che sono: gli automassaggi del risveglio  ▪   la Ragazza di Giada  ▪ I sei suoni della salute (Liu Zi Jue)  ▪ Gli Otto Pezzi di Broccato (Ba Duan Jin)  ▪  Le Mille Mani di Budda  ▪  il Corpo di Giada  ▪   Bodhisattva  ▪  Nuzi Gong. Inoltre ho praticato anche le Camminate di Guolin.

Ho frequentato un anno (2017-2018) il corso per diventare operatore di qi gong presso l’Istituto Superiore di Medicina Tradizionale Cinese “Villa Giada” di Roma, sostenendo e superando gli esami del primo anno (Medicina Tradizionale Cinese e Zhineng Qigong), ma avendo già tanti anni di esperienze con il qi gong alle spalle, alla fine del primo anno ho preso la decisione di proseguire la mia formazione nel modo informale che ho seguito finora.  

Mi sono quindi iscritta al corso biennale (2018-2019) con il Maestro Liu Dong, “Formazione Ipnosi Taoista e Meditazione” dove ho appreso la Perla di Luna (una forma di qi gong che lavora sugli occhi), una nuova versione delle Mille Mani del Budda, la Meditazione Fuoco e Nuvole, ed un trattamento di riequilibrio energetico (ipnosi) che consiste in una serie di digitopressioni lungo meridiani specifici, lungo il corpo e sulla testa. Utile nei casi di perdita di memoria, insonnia, sensazione di “testa vuota”, confusione mentale, che rilassa e tonifica tutto l’organismo.

A maggio 2018 ho partecipato ad una giornata sulle Tecniche Yangsheng  organizzata da Giulia Boschi nell’ambito di un progetto europeo sull’inserimento delle tecniche yangsheng “nutrimento del principio vitale” nell’educazione degli adulti. In particolare, si sono studiati gli esercizi per gli organi di senso: una comunicazione diretta fra il cuore e il mondo, secondo la medicina cinese. Sempre nel 2018 ho seguito da esterna le lezioni di Medicina Tradizionale Cinese tenute da Giulia Boschi presso l’Istituto Shiatsu Igea a Roma.  

Un’altra mia grande passione è la riflessologia plantare, e nello specifico la Riflessologia Plantare On Zon Su©. Nel 2013 mi sono diplomata come Operatore di Riflessologia Plantare On Zon Su©, presso la On Zon Su© School, sede di Roma, scuola triennale di massaggio zonale tradizionale cinese del piede.  Negli anni a seguire, ho partecipato ai vari corsi extra offerti dalla scuola:

  • 7-8 giugno 2014: "Tecniche riflessologiche della mappa dell'Est, storia e filosofia, pratica del Tai Ki Kung e meditazione della catena d’oro dei Maestri".
  • 19-20 settembre 2015: "Tecniche riflessologiche degli Otto Canali Straordinari e attivazione energetica dei meridiani della gamba, storia e filosofia, pratica del Tai Ki Kung e meditazione della catena d’oro dei Maestri " I modulo;
  • 4-5 giugno 2016 & 3-4 giugno 2017 & 2-3 giugno 2018: Tecniche riflessologiche dei meridiani delle gambe (il massaggio dei meridiani dal piede al ginocchio), storia e filosofia, pratica del Tai Ki Kung e meditazione della catena d’oro dei Maestri " II, III & IV modulo;

 A giugno 2019: corso di Moxa-Cau, applicazione del calore ai punti riflessi. Organizzato da OZS School, sede di Verona.

 Pratico anche il Massaggio Ayurvedico Abhyanga, il Massaggio Energetico Spirituale di Sri Govindan, e il Massaggio Ayurvedico del Piede, Padabyanga (corsi di formazione presso l’Associazione Culturale TAGETE di Pierluigi Fantini).

 

Nell’agosto 2016 ho partecipato come operatore olistico in Riflessologia Plantare On Zon Su© al mini-festival del benessere “15 ore sotto Sante” che si svolge ogni anno a Bolsena.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok